Guerra in UCRAINA: indicazioni sull’ACCOGLIENZA

Indicazioni aggiornate sulle iniziative di soccorso e assistenza alla popolazione ucraina nel nostro Paese

Data di pubblicazione:
08 Marzo 2022
Immagine non trovata

CRISI UMANITARIA IN UCRAINA πŸ‡ΊπŸ‡¦

Il Dipartimento di Protezione Civile — con Ordinanza n. 872 del 4 marzo 2022 che definisce le disposizioni per la gestione sul territorio italiano dell’accoglienza, del soccorso e dell’assistenza alla popolazione in arrivo dall’Ucraina — chiarisce di avere il coordinamento delle componenti e delle strutture operative impegnate nelle attività di soccorso e assistenza alla popolazione ucraina nel nostro Paese.

Al contempo, alle Regioni e alle Province Autonome spetta di coordinare i sistemi regionali di protezione civile impegnati nel concorso delle attività di accoglienza, soccorso e assistenza.
In particolare, le Regioni provvedono a organizzare:

  • la logistica per il trasporto delle persone, anche mediante mezzi speciali;
  • gli alloggi temporanei per le persone in arrivo o di passaggio in Italia;
  • l’assistenza sanitaria;
  • l’assistenza alle persone che dall’Ucraina arrivano al confine italiano.

Per dare accoglienza alle persone provenienti dall’Ucraina, le Regioni possono utilizzare le aree sanitarie allestite anche temporaneamente per la gestione dell’emergenza Covid-19.
Le Prefetture-Uffici territoriali di Governo, in raccordo con le Regioni, si occupano dell’accoglienza dei cittadini ucraini in Italia mediante la rete dei Centri di accoglienza e il Sistema di accoglienza e integrazione già istituiti. Inoltre, in caso di massiccio afflusso o di particolari criticità, potranno provvedere a reperire ulteriori strutture ricettive.

L’art. 7 dell’Ordinanza prevede inoltre che le persone provenienti dall’Ucraina possano lavorare, autonomamente o in forma subordinata, a seguito della richiesta, alla Questura, di permesso di soggiorno.

La Regione del Veneto ha predisposto un’apposita sezione del sito istituzionale dedicata all’accoglienza, accedendo alla quale è possibile compilare un apposito modulo per segnalare la disponibilità ad offrire, ai profughi ucraini nel territorio della regione, alloggi, opportunità di lavoro o altro: https://www.regione.veneto.it/article-detail?articleId=13534995

In seguito alle disposizioni ricevute dalla Prefettura per la gestione della crisi umanitaria in Ucraina possiamo fornire le prime indicazioni.

RACCOLTA BENI DI PRIMA NECESSITÀ

Il Comune ha preparato, insieme alla Protezione Civile di Sona e al Forum delle Associazioni, un punto di raccolta di beni di prima necessità, presso la “Casa di Alice” in via Kennedy 15 a Lugagnano, entrata parcheggio Amadori, nei seguenti giorni e orari:
- da lunedì al sabato dalle ore 8:30 alle 12:00. Il pomeriggio su appuntamento contattando il numero 045 6091290 a cui risponderà un operatore di Protezione Civile. Il servizio sarà attivo da lunedì 7 marzo.
- in alternativa, per i cittadini di Palazzolo, è possibile portare i beni presso la SALA NOI in questi giorni e orari:
lunedì 14 marzo dalle 16 alle 18.30, martedì 15 marzo dalle 9 alle 11, mercoledì 16 marzo dalle 16 alle 18.30, venerdì 18 marzo dalle 14.30 alle 17 e sabato 19 marzo dalle 10 alle 11.30.

Importante: saranno raccolti al momento - in conformità alle indicazioni ricevute - SOLO i seguenti beni:
a) generi alimentari a lunga conservazione (ad es. riso, scatolame quale piselli, fagioli, ceci, tonno, carne) che non richiedano l'utilizzo di frigoriferi per lo stoccaggio  
b) prodotti per l'igiene (ad es. sapone, bagnoschiuma, dentifricio) e per la prima infanzia (ad es. biberon, pannolini, salviette) 
c) medicinali con scadenza ad almeno un anno, che non richiedano l'utilizzo di frigoriferi per lo stoccaggio (l'elenco dei medicinali compatibili sarà depositato presso le farmacie di Sona o qui allegato)
 
I beni di prima necessità (alimentari ed igiene) saranno poi portati, a cura degli Alpini di Lugagnano e dell’Associazione Il Dono, presso Energia & Sorrisi - Via S Pio X, 6/a - Altavilla Vicentina (Vicenza) - Telefono 337476130 - http://www.energiaesorrisi.org/

I medicinali invece verranno portati presso il magazzino di raccolta del Quadrante Europa, in via Sommacampagna, 22/A - Quadrante Europa - Centro spedizionieri Magazzino n. 7.
 
Per il momento NON saranno raccolti indumenti, coperte e comunque altri beni che non siano tra quelli sopra elencati.

INFORMAZIONI UTILI

Per richieste di informazioni di carattere generale o per le procedure di regolarizzazione / assistenza sanitaria profughi ucraini contattare la Protezione Civile di Sona (numero ed email attive da lunedì 7 marzo 2022):
045 6091290 - emergenza.ucraina@comune.sona.vr.it

OSPITALITÀ: COSA DEVO FARE SE ACCOLGO PERSONE UCRAINE IN UNA CASA DI CUI SONO TITOLARE?

Per gestire l’ospitalità in questa fase di emergenza da parte dei cittadini che si stanno spontaneamente offrendo per accogliere cittadini/e ucraini/e in fuga dalla guerra, chiediamo di seguire le seguenti indicazioni.
Compilare il modulo di dichiarazione di ospitalità per cittadini extracomunitari (scaricabile in fondo al testo) con i dati richiesti, completarlo con la documentazione richiesta e presentarlo entro 48 ore all’autorità di pubblica sicurezza:

  • tramite PEC all’indirizzo sona.vr@cert.ip-veneto.net
  • all’ufficio Polizia Giudiziaria c/o il Comando di Polizia Locale in piazza Roma a Sona Capoluogo dal lunedì al sabato dalle 8.30 alle 10.00
  • all'Ufficio Anagrafe di Lugagnano negli orari di apertura (Mart. Giov. Ven. 8:30-12:30, Sab. 8:30-12:00).

Si precisa che le persone che si faranno carico di questo importante gesto di generosità si impegnano a mettere a disposizione un alloggio e tutto quello che sarà necessario a vivere, a favore di bisognosi che molto spesso non hanno al momento un reddito per sopravvivere. Si evidenzia, pertanto, la grande responsabilità dal punto di vista umano ed economico. 

INDICAZIONI SANITARIE SCREENING COVID-19 E ALTRE VACCINAZIONI

A seguito delle indicazioni operative regionali del 7.3.2022 e dell’Ordinanza del Dipartimento della Protezione Civile n. 873 del 6.3.2022, sono state aggiornate come di seguito le indicazioni relative alle misure di Sanità Pubblica per le persone provenienti dall’Ucraina che accedono al territorio nazionale, valide fino al 31.03.2022.

  1. effettuare un tampone antigenico rapido entro 48 ore dall’arrivo, indipendentemente dallo stato vaccinale. Il tampone può essere effettuato presso i punti tampone dell’Ulss 9 sotto elencati (vedi allegato "Misure di Sanità Pubblica per le persone provenienti dall'Ucraina"), senza prenotazione
  2. effettuare obbligatoriamente l’auto-sorveglianza nei 5 giorni successivi all’esecuzione del tampone e indossare la mascherina di protezione FFP2. L’auto-sorveglianza consiste nell’auto-controllo giornaliero dell’eventuale insorgenza di sintomi quali febbre, raffreddore, tosse, mal di gola.
  3. in caso di tampone positivo tornare immediatamente al proprio domicilio e restare in isolamento, separato dalle altre persone conviventi, in attesa della presa in carico da parte del Servizio di Igiene e Sanità Pubblica dell’Ulss 9.

Sempre in allegato, è disponibile l'elenco degli HUB di 1° livello dedicati ai cittadini ucraini, dove vengono rilasciate le tessere STP, eseguiti i tamponi covid-19 e le vaccinazioni anti Covid-19 e le altre vaccinazioni.

SE LA PERSONA CHE ARRIVA HA NECESSITÀ DI CURE MEDICHE DOVE POSSO ANDARE?

  1. tutti i cittadini ucraini presenti possono accedere alle cure emergenziali al Pronto Soccorso, pagando eventualmente il ticket se la prestazione era urgente;
  2. si suggerisce di portare con sé passaporto ed eventuali medicine o terapie seguite;
  3. tutti i minori possono accedere al pronto soccorso per le valutazioni urgenti.

Informazioni di interesse e utilità, documentazione da parte del Sisp in merito all'emergenza Ucraina. https://www.aulss9.veneto.it/

DONAZIONI E OFFERTE ECONOMICHE

Non verranno raccolti soldi presso la Casa di Alice ma sarà possibile fare donazioni economiche tramite il conto aperto dalla Regione Veneto, dalla Caritas Diocesana Verona e dalla Croce Rossa Italiana.

π—₯π—˜π—šπ—œπ—’π—‘π—˜ π——π—˜π—Ÿ π—©π—˜π—‘π—˜π—§π—’
Causale: SOSTEGNO EMERGENZA UCRAINA
Iban: IT65G0200802017000106358023 

𝗖𝗔π—₯π—œπ—§π—”π—¦ π——π—œπ—’π—–π—˜π—¦π—”π—‘π—” π—©π—˜π—₯𝗒𝗑𝗔
Causale: “EMERGENZA UCRAINA” 
BANCA ETICA – IBAN: IT 40 Z 05018 11700 000017091380 – (intestato a Ass. di Carità San Zeno onlus)

𝗖π—₯π—’π—–π—˜ π—₯𝗒𝗦𝗦𝗔 π—œπ—§π—”π—Ÿπ—œπ—”π—‘π—”
https://dona.cri.it/emergenzaucraina/

SCUOLA

Di seguito alcune indicazioni in merito ai servizi scolastici da considerarsi gratuiti a favore degli alunni che fuggono dall'Ucraina a causa della guerra.

  • Mensa scolastica: comunicare all'indirizzo servizio.scuola@comune.sona.vr.it i seguenti dati: NOME, COGNOME, C.F. ALUNNO, NOME, COGNOME, C.F. GENITORE/TUTORE/PERSONA OSPITANTE, RESIDENZA/DOMICILIO, E-MAIL E TELEFONO DI RIFERIMENTO. I dati servono all'ufficio ai fini della registrazione sul portale di gestione del servizio E-Civis.
  • Trasporto scolastico: in caso di necessità del servizio, la famiglia dell'alunno o la famiglia ospitante dovrà mettersi in contatto con l'ufficio scuola che verificherà con la ditta la disponibilità o meno di posti sul pulmino che effettua la linea interessata.
  • Libri di testo scuole primarie: la richiesta va rivolta alla libreria in cui si decide di effettuare l'acquisto con il modulo della cedola libraria (scaricabile dal sito istituzionale dell'Ente). In particolare, nella compilazione del modulo alla voce "residenza", qualora non sia stata completata la pratica di iscrizione anagrafica, va indicato il domicilio nel Comune di Sona. Per quanto riguarda la persona richiedente, possono essere riportati i dati del genitore, se presente, altrimenti del tutore o della persona che ospita.

Si ringraziano fin d’ora la Protezione Civile di Sona, l’Associazione Alpini di Lugagnano, l’Associazione Il Dono, il Forum delle Associazioni di Sona, gli assessorati coinvolti, gli uffici comunali e tutti i volontari per la grande disponibilità.

Il Sindaco Mazzi e l'Amministrazione Comunale.

---

Si sottolinea che le informazioni qui presenti saranno oggetto di aggiornamento continuo in base alle indicazioni che saranno fornite dalle competenti autorità. 

Aggiornato al 21 marzo 2022