Misure straordinarie di contenimento dell’inquinamento atmosferico in vigore dal 1.04.2021 al 30.04.2021

...

01/04/2021

In esecuzione della D.G.R. del Veneto n. 238 del 02.03.2021

Dal 1 aprile al 30 aprile sono in vigore sul territorio comunale le ordinanze sindacali n. 22 e n. 23 del 31.03.2021, quali misure straordinarie per il contenimento dell’inquinamento atmosferico in esecuzione della D.G.R. del Veneto n. 238 del 02.03.2021.
Tali misure sono state adottate in adempimento alla suddetta deliberazione della Regione Veneto a seguito della condanna inflitta dalla Corte di Giustizia Europea allo Stato Italiano  per il mancato rispetto della Direttiva sulla qualità dell’aria ambiente n. 20000/50/CE, ovvero del sistematico superamento dei valori limite del PM 10.

ORDINANZA N. 23 del 31.03.2021 - Misure per la limitazione della circolazione dei veicoli più inquinanti.

Periodo di limitazione:
Dal 1 aprile al 30 aprile 2021

Orari di limitazione alla circolazione veicolare:
dalle ore 8.30 alle ore 18.30 dal lunedì al venerdì, escluse le giornate festive infrasettimanali per le seguenti categorie di veicoli:

Benzina: euro 0 - euro 1  privati e commerciali
Diesel:   euro 0 - euro 1 - euro 2 - euro 3 privati e commerciali 
Moto/ciclomotori:  euro 0

In caso di allerta 1-arancio (bollettino Arpav e avviso su sito internet del Comune)
Attivato dopo 4 giorni consecutivi di superamento del valore limite giornaliero di PM10 di 50 microgrammi/m3, sulla base della verifica effettuata il lunedì e giovedì (giorni di controllo) sui quattro giorni antecedenti.
A partire dal giorno successivo a quello di controllo e fino al giorno di controllo successivo.
Benzina :   euro 0 - euro 1 – euro 2
Diesel :   euro 0 - euro 1 - euro 2 - euro 3
Diesel: euro 4 – euro 5 privati  
Moto/ciclomotori: euro 0 – euro 1


In detto periodo è fatto divieto di circolazione tutti i giorni della settimana, inclusi sabato, domenica e giornate festive infrasettimanali, dalle ore 8.30 alle ore 18.30.

In caso di allerta 2- rosso (bollettino Arpav e avviso su sito internet del Comune)
Attivato dopo 10 giorni consecutivi di superamento del valore limite giornaliero di PM10 di 50 microgrammi/m3, sulla base della verifica effettuata il lunedì e giovedì (giorni di controllo) sui dieci giorni antecedenti.
A partire dal giorno successivo a quello di controllo e fino al giorno di controllo successivo.
Benzina : euro 0 - euro 1 – euro 2
Diesel :euro 0 - euro 1 - euro 2 - euro 3
Diiesel: euro 4 – euro 5 privati
Diesel :  euro 4  veicoli commerciali solo dalle ore 8.30 alle 12.30
Moto/ciclomotori :  euro 0 – euro 1

In detto periodo è fatto divieto di circolazione tutti i giorni della settimana, inclusi sabato, domenica e giornate festive infrasettimanali, dalle ore 8.30 alle ore 18.30.

ORDINANZA N. 22 del 31 marzo 2021 - Misure per l’impiego di impianti termici alimentati a biomassa legnosa, combustioni all’aperto e per lo spandimento di liquami zootecnici.

L’ordinanza prevede in tutto il territorio comunale dal 01 aprile al 30 aprile 2021 il rispetto dei seguenti divieti:
1. divieto di utilizzare generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa -legna cippato pellet- (in presenza di impianto di riscaldamento domestico alternativo) con una classe di prestazione emissiva pari alle classi 1 e 2 stelle;
2. divieto di effettuare combustioni all’aperto, di materiale vegetale, anche se effettuate nel luogo di produzione, al fine di reimpiegare i residui, come sostanza concimante o ammendante, fatte salve le necessità di combustione finalizzate alla tutela sanitaria di particolari specie vegetali;
3. divieto di effettuare falò rituali, barbecue e fuochi d’artificio a scopo di intrattenimento. Sono consentite deroghe per i fuochi di Capodanno e per i falò  rituali in occasione dell’Epifania, nel corso di manifestazioni legate a consolidate tradizioni pluriennali, organizzate e/o riconosciute dall'Amministrazione Comunale (tramite la compilazione e invio del modulo allegato alla presente ordinanza, in cui è  sottoscritto l’impegno a non superare i due metri di diametro e i due metri di altezza della pira e, ad utilizzare esclusivamente legno vergine e ramaglie con basso contenuto di umidità e prive di fogliame e/o aghi per limitare la fumosità);
4. divieto di climatizzare i seguenti spazi dell'abitazione o ambienti ad essa complementari:
cantine, ripostigli, scale primarie e secondarie che collegano spazi di abitazione con cantine, box, garage, depositi;

in caso di raggiungimento del livello di allerta 1 – arancio e del livello di allerta 2 - rosso
divieto di utilizzare generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa (in presenza di impianto di riscaldamento alternativo), aventi prestazioni energetiche pari alle classi 1, 2 e 3 in base alla classificazione ambientale introdotta con D.M. n. 186/2017;
il divieto di spandimento di liquami zootecnici fino al 15 aprile 2021, fatti salvi gli spandimenti mediante iniezione o con interramento immediato.

Per gli impianti di riscaldamento civili e non, l’obbligo:

1.    nelle 14 ore/giorno consentite in zona climatica E), di limitazione della temperatura misurata ai sensi del D.P.R. 412/93 e s.m.i.:
a massimi di 19°C (con tolleranza di 2°C) negli edifici classificati in base al D.P.R. 412/93, con le sigle:
E.1 - residenza e assimilabili;
E.2 - uffici e assimilabili;
E.4 - attività ricreative o di culto e assimilabili;
E.5 - attività commerciali e assimilabili;
E.6 - attività sportive;
a massimi 17° C (con tolleranza di 2°C) negli edifici classificati in base al D.P.R. 412/93, con la sigla E.8 – attività industriali ed artigianali e assimilabili;
utilizzare negli impianti di riscaldamento di potenza termica  nominale inferiore a 35 kW pellet che oltre a rispettare le condizioni previste dall’allegato X, parte II sezione 4, paragrafo 1 lettera d) alla parte V del decreto legislativo n. 152/06, sia certificato conforme alla classe A1 della norma UNI ISO 17225-2 da parte di un organismo di certificazione accreditato e da comprovare mediante la conservazione obbligatoria della documentazione pertinente da parte dell’utilizzatore;
in caso di raggiungimento del livello di allerta 1- arancio e del livello di allerta 2 – rosso, la temperatura degli edifici classificati come residenza e assimilabili nonché degli edifici pubblici, dovrà essere ridotta di 1°C.
                                                          I N F O R M A
Che l’Accordo Bacino Padano (D.G.R.V. n. 836/2017), VIETA l’installazione di generatori a biomassa legnosa con classe emissiva inferiore alle “4 stelle ” in base alla classificazione ambientale introdotta con D.M. n. 186/2017.