Livello di allerta 1-Arancio per le PM 10 - Adozione misure emergenziali per la circolazione

...

23/02/2021

Fino al 25 febbraio 2021

Con nota pervenuta il 22 febbraio 2021, l’Arpav ha comunicato il livello di allerta 1 – arancio per il PM 10 relativamente al territorio comunale.

L’ordinanza R.G. N. 3 del 13 gennaio 2021 prevede in tale situazione, l’adozione di misure emergenziali fino a GIOVEDI’ 25 FEBBRAIO 2021 compreso, il divieto di circolazione dalle ore 8.30 alle ore 18.30, di tutti i giorni inclusi sabato, domenica e festivi infrasettimanali, delle seguenti categorie di veicoli:

- veicoli alimentati a benzina categoria M e omologati EURO 0 ed EURO 1, non adibiti a servizi e trasporti pubblici;
- veicoli alimentati a benzina categoria L2 o L5 e omologati EURO 0 ed EURO 1, non adibiti a servizi e trasporti pubblici;
- veicoli alimentati a benzina categoria N, omologati EURO 0, EURO 1, non adibiti a servizi e trasporti pubblici;
- veicoli alimentati a gasolio categoria M e omologati EURO 0, EURO 1, EURO 2, EURO 3 ed EURO 4, non adibiti a servizi e trasporti pubblici;
- veicoli alimentati a gasolio categoria L2 o L5 e omologati EURO 0 ed EURO 1, non adibiti a servizi e trasporti pubblici;
- veicoli alimentati a gasolio categoria N, omologati EURO 0, EURO 1, EURO 2 ed EURO 3, non adibiti a servizi e trasporti pubblici;
- motoveicoli e ciclomotori non omologati ai sensi della direttiva 97/24/CE ed il cui certificato di circolazione o di idoneità tecnica sia stato rilasciato in data antecedente al 1 gennaio 2000, non adibiti a servizi e trasporti pubblici.

Inoltre, l’ordinanza R.G. N. 82 del 02.10.2020, prevede per il raggiungimento del livello di allerta 1- arancio e fino a giovedì 25 febbraio 2021, l’adozione delle seguenti misure emergenziali:

- divieto di utilizzare generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa (in presenza di impianto di riscaldamento alternativo), aventi prestazioni energetiche ed emissive che non sono in grado di rispettare i valori previsti almeno per la classe 3 stelle in base alla classificazione ambientale introdotta con D.M. n. 186/2017;
- il divieto di spandimento di liquami zootecnici.