Ragazze e ragazzi della terza media di Sona e Lugagnano protagonisti della giornata della Memoria

...

24/01/2020

Con la proiezione e il dibattito su due film, "Il bambino con il pigiama a righe" e "Storia di una ladra di libri", la giornata della Memoria di quest’anno a Sona si rivolge alle ragazze e ai ragazzi delle terze medie degli istituti Comprensivi di Sona e di Lugagnano.

“Abbiamo voluto una Memoria diversa quest’anno – esordisce l’Assessore alla Cultura e alla Scuola Gianmichele Bianco -, in continuità con l’Assessora uscente Cimichella, rivolgendoci alle ragazze e ai ragazzi della terza media del nostro Comune. La giornata del 27 gennaio deve essere un modo per dare continuità alla Memoria della barbarie avvenuta durante la Seconda Guerra Mondiale partendo fin da subito da chi ha l’età per poterla comprendere, cioè i ragazzi e le ragazze.”

Il 27 gennaio, dalle 8.00 alle 10.00 alle terze medie di Lugagnano sarà proiettato il film “Storia di una ladra di Libri”, un emozionante racconto di una ragazza che si innamora della lettura dei libri e così li salva dalla distruzione. Dalle 11 alle 13 le terze medie di Sona avranno la visione del film “Il bambino con il pigiama a righe”, un’avvincente e coinvolgente storia di amicizia tra un bambino in un campo di concentramento e il figlio di un ufficiale nazista, con un triste e inaspettato epilogo.

“Dobbiamo parlare ai ragazzi – afferma il Sindaco Gianluigi Mazzi – perché sono il nostro futuro. Dobbiamo trovare sempre più sinergie con le scuole, perché è con la cultura, la preparazione e la memoria che si troveranno le strade per evitare che il futuro sia replica del passato, per non dimenticare una delle pagine più tristi della storia dell'umanità”. Prima e dopo al proiezione dei film ci saranno momenti di riflessione e di dibattito tra i ragazzi e gli insegnanti.

“Ringrazio le due Dirigenti degli Istituti Comprensivi del Comune, la Professoressa Cattaneo e la Professoressa Federici per il prontissimo coinvolgimento delle scuole. Stiamo continuando con loro un percorso iniziato dall’Assessora Cimichella e lo continueremo con energia anche su altri e innovativi settori con lo scopo ultimo di preparare al meglio i nostri figli. E per far in modo che quella Memoria sia presente per un lungo tempo, ringrazio l’ufficio Cultura del Comune per ogni organizzazione degli eventi e per aver allestito uno scaffale di libri e DVD in Biblioteca a Sona, materiale che ripercorre l’abisso dove l’uomo è finito. Per vivere la Memoria sempre” conclude Bianco.